fbpx

Il diastema: cos'è e come chiuderlo

Il diastema dentale è uno spazio evidente tra due denti contigui. Normalmente si presenta tra i due incisivi centrali superiori, ma può riguardare anche tutti gli altri denti. Nella stragrande maggioranza dei casi, il diastema non è segno di una patologia ma può essere, per alcuni, un problema estetico. Se infatti certi pazienti con diastema tra gli incisivi possono ritenerlo un dettaglio piacevole e caratterizzante del volto, altri – soprattutto quando è presente tra più denti – possono viverlo con disagio e imbarazzo.

Solo in alcuni casi il diastema può essere causa di disturbi: la presenza di denti separati può infatti, in alcuni casi, portare a microtraumi gengivali durante la masticazione e questo potrebbe dar luogo a gengiviti.

Diastema denti

Cosa causa la presenza di denti separati?

Sono diverse le possibili spiegazioni del fenomeno. Cerchiamo di descriverle brevemente:

  • Dimensioni dell’osso mascellare e dei denti. In molti casi il diastema deriva dalla presenza di denti particolarmente piccoli e/o da un’arcata dentaria molto ampia (generalmente quella superiore). Ciò impedisce ai denti di riempire tutto lo spazio disponibile. In altre parole, il diastema è l’esito opposto del sovraffollamento dentario, in cui invece si assiste a una sovrapposizione dei denti in un’arcata troppo piccola per contenerli tutti correttamente allineati.
  • Dimensione e posizione del frenulo gengivale. Con questo termine si indica il lembo di tessuto che collega le labbra superiori con la gengiva, esattamente a metà arcata e cioè in corrispondenza del diastema che separa i due incisivi superiori e centrali. In alcuni soggetti questo tessuto è particolarmente ampio tanto che il punto in cui si inserisce nella gengiva impedisce ai due incisivi di crescere affiancati.
  • Presenza di cisti dentali follicolari o radicolari.

Ricordiamo che nei bambini con denti da latte il diastema è molto frequente. Questi infatti sono più piccoli di quelli permanenti e più facilmente occupano uno spazio inferiore a quello disponibile in tutta l’arcata. Una volta spuntati i denti permanenti, il diastema tende a chiudersi spontaneamente.

Diastema: rimedi

In linea generale non tutti i diastemi devono essere trattati. Tuttavia quando questi causano problemi estetici oppure, più raramente, disturbi dentali si possono seguire diverse strategie.

  • Intervento chirurgico al frenulo gengivale. A volte, come detto, il diastema è legato a un’anomala conformazione di questo lembo di tessuto. In questi casi si può procedere a frenulectomia o frenuloplastica, interventi che consistono il suo taglio e riposizionamento. Sono strategie particolarmente indicate nei bambini in quanto consentono di chiudere il diastema senza apparecchio e senza la necessità di ulteriori trattamenti.
  • Apparecchio per diastema. Si tratta di un trattamento per allineare i denti, così da chiudere il diastema. Per giungere a risultati ottimali, l’apparecchio deve essere portato un periodo compreso tra i sei mesi e i due anni. Ma come sono i risultati di un diastema prima e dopo l’apparecchio? Generalmente buoni, ma ovviamente conta enormemente la competenza dell’odontoiatra o dell’ortodontista nel scegliere il tipo di apparecchio, nel suo posizionamento e nell’esecuzione di controlli periodici.
  • Faccette dentali per diastema. Si tratta di un intervento esclusivamente estetico, non indicato quindi in presenza di disturbi connessi ai denti separati, che consente di riempire lo spazio tramite l’applicazione di faccette in ceramica o in porcellana. Queste infatti aumentano la larghezza dei denti, andando a ridurre visivamente gli spazi vuoti. Le faccette sono sottili lamine incollate sulla parte esterna dei denti e impiegate in molti altri casi, ad esempio in presenza di discromie o di denti scheggiati.

Gli interventi più radicali

In presenza di danni dentali gravi, il diastema può essere corretto anche con interventi più radicali.

  • Sostituzione del dente con corone artificiali (le cosiddette capsule). Questo trattamento è impiegato quando il dente è gravemente cariato o affetto da infezioni importanti.
  • Impianti dentali. Consistono nella sostituzione totale del dente con un perno a cui è fissata la corona artificiale. Anche questo trattamento si impiega in presenza di altre gravi patologie che hanno danneggiato irreparabilmente il dente.

Diastema dentale? Contatta lo studio dentistico ADC Dental Center per avere maggiori informazioni e richiedi una visita di controllo.

Articoli Correlati

Lascia un commento